ORDINA PER ATTINENZA
ORDINA PER PREZZO
ORDINA PER DATA
CALCOLO E LIQUIDAZIONE DI DANNI, INTERESSI E RIVALUTAZIONE
CALCOLO E LIQUIDAZIONE DI DANNI, INTERESSI E RIVALUTAZIONECALCOLO E LIQUIDAZIONE DI DANNI, INTERESSI E RIVALUTAZIONE
€ 140,00
Il presente Volume offre un panorama chiaro ed efficace dei principi e delle regole applicative che disciplinano la liquidazione del danno patrimoniale e di quello non patrimoniale, nelle loro più frequenti manifestazioni: il danno biologico, il danno da morte, il danno da incapacità di lavoro, la mora. Ciascuna di queste tipologie di danno viene illustrata sotto tre aspetti: cos’è, come si accerta e come si liquida. Ampio spazio viene dedicato ovviamente alla giurisprudenza, della quale sono illustrati separatamente i principi consolidati ed i contrasti irrisolti. Il Volume è accompagnato dal software DIR-Danni, interessi, rivalutazione, un prodotto che non ha eguali nell’editoria giuridica, in quanto non è solo un programma per la liquidazione del danno, ma un potente strumento di gestione delle pratiche risarcitorie e di apprendimento della materia. Il Software DIR consente ogni tipo di liquidazione, sia con riferimento alle obbligazioni di valore (danno patrimoniale, danno biologico, danno morale), sia a quelle di valuta(computo di tutti i saggi di interessi e di tutti i tipi di credito: interessi convenzionali o legali; calcolo del maggior danno ex art. 1224, comma 2, c.c.; interessi legali speciali; crediti singoli, periodici e ricorrenti; anatocismo semplice e bancario; calcolo automatico dell’usurarietà del saggio di interessi convenzionale); consente inoltre la corretta liquidazione di tutti i tipi di danni da morte: sia jure proprio che jure ha ereditario ed infine consente la capitalizzazione dei danni permanenti (riduzione della capacità di guadano); lo sconto dei danni futuri, la rivalutazione dei danni passati. DIR, inoltre, fa altre tre cose ancora: - calcola la prescrizione del diritto al risarcimento - consente la compilazione dell’atto introduttivo del giudizio (in materia di danni da circolazione stradale) - assiste il giurista nelle operazioni di liquidazione, informandolo dell’esistenza di contrasti giurisprudenziali o suggerendo quale sia il modo giuridicamente corretto di eseguire tale attività. I punti di forza del Software DIR sono: - Contenuto: DIR non è solo un programma per la liquidazione del danno, ma un potente strumento di gestione delle pratiche risarcitorie e di apprendimento della materia. Consente ogni tipo di liquidazione, sia con riferimento alle obbligazioni di valore, sia a quelle di valuta; consente inoltre la corretta liquidazione di tutti i tipi di danni da morte: e la capitalizzazione dei danni permanenti; lo sconto dei danni futuri, la rivalutazione dei danni passati. - Utilità aggiuntive: calcola la prescrizione del diritto al risarcimento; consente la compilazione dell’atto introduttivo del giudizio; assiste il giurista nelle operazioni di liquidazione. - Flessibilità: DIR consente di scegliere tra più opzioni liquidative, offrendo così all’utente quella più consona ai propri legittimi interessi, confrontando le varie alternative possibili ed inoltre consente all’utente di personalizzare qualsiasi tipo di calcolo. - Autorevolezza: il programma DIR è stato interamente concepito dal dott. Marco Rossetti, ritenuto uno dei massimi esperti in tema di risarcimento del danno e assicurazione e costituisce il frutto di una pluridecennale esperienza concreta maturata nelle aule di giustizia, ed è stato pensato proprio tenendo conto degli innumerevoli casi e problemi che possono in concreto presentarsi nelle controversie giudiziarie.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
DANNO ALLA PERSONA PATRIMONIALE E NON PATRIMONIALE
DANNO ALLA PERSONA PATRIMONIALE E NON PATRIMONIALEDANNO ALLA PERSONA PATRIMONIALE E NON PATRIMONIALE
€ 78,00
Il manuale di taglio pratico, con la recente GIURISPRUDENZA, con i MODELLI per le richieste al CONSULENTE TECNICO in tema di danno alla persona e con il FORMULARIO per la fase giudiziale, vuole essere uno strumento di supporto ai professionisti che devono intraprendere l’azione risarcitoria o ai cultori della materia che intendono avere una visione d’insieme dei criteri risarcitori del danno alla persona, con consigli e suggerimenti pratici ai fini di una corretta formulazione della domanda risarcitoria. - Il danno non patrimoniale nell’illecito civile - Formulazione della domanda risarcitoria - Accertamento del nesso causale - Il danno patrimoniale nella cd. legge Pinto - Il danno da perdita di chance - Il danno parentale - Il danno non patrimoniale nel codice delle assicurazioni - Limiti della surrogazione dell’INAIL - Esclusione della surrogazione da parte dell’assicuratore sociale - Il danno biologico differenziale - Il danno patrimoniale - Danno da incapacità lavorativa specifica - Danno alla casalinga - Danno al minore e allo studente - Danno al disoccupato - Devalutazione della somma liquidata a titolo di lucro cessante, interessi e rivalutazione - Il danno patrimoniale nel codice delle assicurazioni. Viene anche affermata la necessità di PROVA DEL DANNO non patrimoniale, estesa anche al pregiudizio morale, oltre che esistenziale, con necessità delle allegazioni, anche nel caso di ricorso alla prova presuntiva. Vengono illustrati anche i CRITERI RISARCITORI DEL DANNO PARENTALE, evidenziando i limiti, nella prospettiva di un sistema risarcitorio che finalmente riconosca il diritto alla vita in una nuova visione del danno tanatologico. Quale criterio risarcitorio sia del danno patrimoniale che non patrimoniale il danno da perdita di chance consente di risarcire un danno futuro ma probabile, innovando i precedenti criteri risarcitori che si fondavano sulla certezza del danno anche futuro. Il criterio risarcitorio del DANNO PATRIMONIALE, che non prevede limitazioni risarcitorie, viene specificato nel codice delle assicurazioni ed è suscettibile di applicazione generalizzata. Il Cd-Rom allegato contiene la NORMATIVA di riferimento, la GIURISPRUDENZA in forma integrale, le TABELLE per il risarcimento del danno biologico di Milano e Roma e il FORMULARIO compilabile e stampabile.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
INDENNIZZO E RISARCIMENTO DEI DANNI DA PRELIEVI E TRASFUSIONE DI SANGUE
INDENNIZZO E RISARCIMENTO DEI DANNI DA PRELIEVI E TRASFUSIONE DI SANGUEINDENNIZZO E RISARCIMENTO DEI DANNI DA PRELIEVI E TRASFUSIONE DI SANGUE
€ 44,00
Il presente Volume, aggiornato alla recente giurisprudenza sui danni risarcibili da contagio, vuole essere un manuale di riferimento per la risoluzione delle problematiche connesse alla responsabilità e al risarcimento del danno per i prelievi e le trasfusioni di sangue. Fra le principali novità che hanno reso necessario l'aggiornamento del libro vi sono, nell'ambito della tutela indennitaria, l'estensione del diritto, prima negato, ai soggetti dializzati. l'applicazione del termine di decadenza di tre anni a tutte le domande di indennizzo a prescindere dall'epoca delle trasfusioni. l'intervento risolutivo della Corte Costituzionale e della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo sulla diatriba relativa alla rivalutazione integrale dell'assegno. Sul piano risarcitorio si espongono le seguenti tematiche: - la più recente messa a fuoco della giurisprudenza sull'epoca da cui far decorrere la responsabilità dell'amministrazione sanitaria. - lo scomputo formale dell'indennizzo dal risarcimento. - la piena conoscenza del danno da cui far decorrere la prescrizione. - il significato del principio del "più probabile che non" in tema di nesso causale, che scende sotto la soglia probabilistica del "cinquanta percento più uno" laddove la causa del contagio può imputarsi a più cause concorrenti o concomitanti alle trasfusioni. - il concetto di precauzione e di evitabilità del rischio di contagio. Per una maggiore agilità nella consultazione del testo, sono stati trasferiti integralmente tutti i casi materiali e le formule sull'allegato Cd-Rom. Principali argomenti trattati nel Volume: - Allargamento dei mezzi di prova sul nesso causale - Eliminazione del termine triennale di decadenza ed estensione dell'ordinario termine decennale di prescrizione nel caso di epatiti post-trasfusionali - Introduzione del principio del "silenzio-assenso" per le domande ed i ricorsi gerarchici non decisi nei termini - Eliminazione dei limiti dell'indennizzo a patologie tipiche - Applicazione delle tabelle di danno biologico all'indennizzo - I soggetti beneficiari - I benefici economici - La presentazione della domanda di indennizzo - La natura dell'indennizzo - La natura del procedimento - L'iter e l'istruttoria della pratica- Documenti e dati personali del richiedente - Documentazione amministrativa - Il giudizio medico-legale - L'erogazione dell'indennizzo - Conoscenze scientifiche dei rischi delle trasfusioni di sangue - Responsabilità della P.A. e conoscenze scientifiche dei pericoli trasfusionali - La erogabilità dell'assegno una tantum a favore dei soggetti danneggiati da vaccinazioni anche ai soggetti emotrasfusi.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI
RIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILIRIVALUTAZIONE DEGLI IMMOBILI
€ 20,00
Il D.L. 185/2008 (cd. decreto anticrisi) ha reintrodotto la possibilit? di rivalutare gli immobili d'impresa. Si tratta di una misura in virt? della quale le societ? di persone, le societ? di capitali e gli enti commerciali soggetti ad IRES che, nella formazione del bilancio, non adottano i criteri IAS/IFRS hanno l'opportunit? di ottenere un maggior grado di capitalizzazione godendo, nel contempo, di un beneficio fiscale non trascurabile. Gli autori, grazie al sistematico ricorso ad esempi pratici, illustrano nel dettaglio le modalit? applicative di questo speciale provvedimento. Tipologia dei beni rivalutabili, soggetti riconosciuti, criteri di rivalutazione (con i relativi confronti) e conseguenti risvolti tributari sono descritti in maniera puntuale e senza tralasciare le eccezioni costituite dai casi particolari. L'intuitivo programma di attuazione contenuto nel CD-Rom allegato al valore consente, inoltre, di effettuare in maniera semplice e veloce gli opportuni calcoli di convenienza.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
LOGICA INCLUSIVA DELL'INTERESSE LEGITTIMO NEL RAPPORTO TRA AUTORITÀ E SUSSIDARIETÀ
LOGICA INCLUSIVA DELL'INTERESSE LEGITTIMO NEL RAPPORTO TRA AUTORITÀ E SUSSIDARIETÀLOGICA INCLUSIVA DELL'INTERESSE LEGITTIMO NEL RAPPORTO TRA AUTORITÀ E SUSSIDARIETÀ
€ 29,00
Principali argomenti trattati nel Volume: Premessa: Ideologia e dogmatica nella costruzione delle situazioni giuridiche soggettive. 1. Alle origini del problema. Il caso Santhià. Il dibattito dottrinale. 2. Gli sviluppi teorici nell’ambito della Scuola pisana. 3. La riconsiderazione delle categorie fondamentali: diritto pubblico e diritto privato; diritti assoluti e diritti relativi. 4. La dialettica degli interessi e la continuità del sistema giuridico: dalla logica dei contrari alla logica dei distinti. 5. L’opzione assiologica tra individualismo e solidarietà nella graduazione della tutela. Il metodo pragmatico nella ricostruzione delle fattispecie, la concreta configurazione delle interrelazioni degli interessi, la discontinuità delle situazioni reali, la natura convenzionale dei tipi normativi. 6. I tratti distintivi dell’interesse legittimo: figura teorica generale, che trascende l’ambito proprio del diritto amministrativo e supera la ristretta ottica intraordinamentale. L’esercizio del potere, pur astrattamente legittimo, per attuare il valore, dev’essere anche concretamente lecito. Il principio di congruità dei mezzi rispetto ai fini. 7. Il potere irrelato e l’ossimoro dell’irrelazione non assoluta, ma relativa ad altri soggetti portatori di interessi opposti. 8. Il ruolo del principio della funzione sociale nella struttura dei poteri privati. L’ingresso di un fattore di funzionalizzazione rende rilevanti interessi alternativi e disomogenei rispetto a quelli del titolare del diritto soggettivo. Il compromesso dinamico tra le forze politiche attorno alla formula della funzione sociale, come risultante dalla sintesi della dialettica tra le forze sociale. 9. Il problema dell’abuso del diritto e la sua impostazione. 10. Il parallelismo tra l’esercizio dei poteri pubblici e privati. 11. Il principio di solidarietà, come categoria coessenziale del sistema e fondamento dell’interesse legittimo come esercizio del potere funzionale ad uno scopo non individuale, ma superiore e condiviso. Il valore effettivo della dicotomia tradizionale tra interessi legittimi oppositivi e pretensivi e la sua funzione in relazione al risarcimento del danno. 12. Il confine mobile della giurisdizione sugli interessi legittimi: dal d.lgs. n. 80/1998 alla sent. n. 204/2004 della Corte Costituzionale. La vicenda tormentata della pregiudiziale amministrativa: tecniche elettive di tutela per un ritorno alla teoria della prospettazione? Le nozioni di ente pubblico e di organismo di diritto pubblico. La mancata distinzione tra diritti soggettivi e interessi legittimi nel diritto comunitario. 13. Le ipotesi vere o presunte di interessi legittimi di diritto privato. 14. Casi di recesso nei contratti in genere: a) nei contratti del consumatore; b) nelle società di persone; c) l’esclusione dalla società di persone. 15. La posizione dei componenti della famiglia. 16. L’interesse del socio e la tutela delle minoranze nelle associazioni e nelle società. 17. Situazioni sostanziali e processuali. 18. Interessi legittimi, normativa antistrust e disciplina sulla privacy.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
DANNO BIOLOGICO
DANNO BIOLOGICODANNO BIOLOGICO
€ 45,00
Negli ultimi anni numerose novità hanno investito il microcosmo del danno biologico e, più in generale, del danno non patrimoniale. Si tratta di una materia in continuo movimento, più di altre soggetta ai cambiamenti d’umore del legislatore e della giurisprudenza. L’ultima novità, in ordine cronologico, è il decreto Balduzzi (D.L. 158/2012 conv. dalla L. 189/2012) sul danno biologico causato dall'attività medico-chirurgica, che ha subito prodotto due orientamenti opposti nella giurisprudenza di merito, uno (quello che riporta la responsabilità medica nell'ambito extracontrattuale) chiaramente sbagliato e l’altro (che mantiene la responsabilità medica nell'alveo contrattuale) senz'altro più corretto. Era inevitabile dare conto del lungo excursus giurisprudenziale che ha caratterizzato la materia, a partire dall'estate del 1986, quando la Corte costituzionale, con la sentenza n. 184, limitò l’art. 2059 c.c. ai soli danni morali ed estese l’art. 2043 c.c. al danno biologico. Da quel momento il danno biologico ha attirato su di sé le attenzioni, a tratti morbose, della dottrina, che si è trovata alle prese con un concetto non giuridico, desunto dalla medicina legale. Si è affermato così che il danno biologico avrebbe natura patrimoniale; qualcuno ha parlato di finzione di patrimonialità; altri hanno sostenuto che si tratta di una fattispecie neutra, distinta sia dal danno patrimoniale sia dal danno non patrimoniale. A partire dagli anni ’90 la giurisprudenza ha cominciato a sostenere la tesi della natura non patrimoniale del danno biologico, che riguarda il diritto alla salute, a differenza del danno patrimoniale che attiene, invece, alla capacità di produrre reddito. Peraltro, di danno biologico si dovrebbe parlare al plurale: il danno biologico può essere temporaneo o permanente, parziale o totale, statico o dinamico, terminale o non terminale. La figura del danno biologico è stata anatomizzata, da dottrina e giurisprudenza, in quei settori nei quali compare più frequentemente, ovvero la circolazione stradale e l’attività medica. Quest’ultima, in particolare, è stata investita come detto dal D.L. 158/2012, conv., con modif., dalla L. 189/2012, che delinea, nell’art. 3, un’area di non punibilità a favore di tutti gli operatori sanitari che commettano un reato lievemente colposo nel rispetto delle linee-guida e delle buone prassi. Tale disposizione è già stata inviata alla Corte costituzionale dal tribunale di Milano. Capitoli ad hoc sono dedicati alla consulenza medico-legale (che costituisce l’aspetto più importante di ogni processo sul danno biologico, perché "dà un prezzo" alle lesioni subite), al danno da vita malformata (poiché nel 2012 la Cassazione, per la prima volta, ha riconosciuto, al soggetto che al momento della nascita presenti gravi patologie destinate a menomarlo per l’intera esistenza, la legittimazione a far valere il danno ricollegabile all'omessa diagnosi prenatale), al danno esistenziale (figura ormai ridotta in schiavitù dal danno biologico, di cui rappresenta l’aspetto dinamico-relazionale), al danno biologico causato da sinistri stradali (che presenta aspetti di particolare interesse sul piano teorico) e ai criteri di liquidazione del danno biologico. A questo proposito si dà conto della vicenda paradossale che vede contrapposti i tribunali di Roma e di Milano sul fronte dei parametri per la liquidazione del danno non patrimoniale: i due tribunali più grandi d’Italia, anziché scambiarsi le rispettive esperienze ed elaborare una tabella comune, utilizzano tabelle diverse, sconfessando nei fatti quell’uniformità di trattamento che sostengono a parole
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
STIMA DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTIVAZIONI AGRARIE
STIMA DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTIVAZIONI AGRARIESTIMA DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA ALLE COLTIVAZIONI AGRARIE
€ 30,00
Questo Volume ha l’obiettivo di offrire una risposta organica ai problemi legati alla valutazione dei danni provocati da animali selvatici, senza riferirsi ai vari regolamenti provinciali e/o alle leggi regionali, ma basandosi soltanto sulle regole auree dettate dall’estimo. Si è quindi tentato di tracciare un metodo oggettivo per calcolare il danno provocato alle colture agrarie; un metodo che spetterà poi alla sensibilità dei periti adeguare alle diverse condizioni regolamentari imposte dai vari Enti, quali Province e ambiti territoriali di caccia. Inizialmente si è pertanto approfondito lo studio dei principali autori dei danni, le loro caratteristiche e le abitudini essenziali, la cui conoscenza è necessaria per ricondurre il danno alla fauna selvatica, evitando di risarcire eventi non dovuti. Vale la pena ricordare, infatti, che la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato, tutelata nell’interesse della comunità nazionale e internazionale, ai sensi della legge 11 febbraio 1992, n. 157, che all’articolo ventisei sancisce il diritto al risarcimento dei danni prodotti dalla stessa, chiarendo al 1^ comma che: Per far fronte ai danni non altrimenti risarcibili arrecati alla produzione agricola e alle opere approntate sui terreni coltivati e a pascolo dalla fauna selvatica, in particolare da quella protetta, e dall’attività venatoria è costituito a cura di ogni Regione un fondo destinato alla prevenzione e ai risarcimenti, al quale affluisce anche una percentuale dei proventi di cui all’art. 23. Nella seconda parte del testo sono proposte metodologie di rilevazione del danno, suddivise per coltura, e la successiva quantificazione economica dello stesso. Obiettivo principale del volume è la definizione delle varie tecniche estimative che il perito dovrà e potrà poi applicare nella sua valutazione. Uno strumento quindi molto utile specialmente se si tiene conto che per eseguire una perizia veramente intellegibile è necessario unire alla conoscenza dell’estimo quella dell’agronomia e della zootecnia. Si tratta di una stima che non potrà mai essere redatta da un tecnico che non possieda queste competenze, Viceversa si avrebbe il rischio di un elaborato peritale formalmente corretto ma sostanzialmente sbagliato. Completa il Volume un Cd-Rom contenente un Software di calcolo, predisposto dall’autore, per la quantificazione delle stime del danno in casi concreti.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
DANNO NON PATRIMONIALE E INGIUSTIZIA CONFORMATA
DANNO NON PATRIMONIALE E INGIUSTIZIA CONFORMATADANNO NON PATRIMONIALE E INGIUSTIZIA CONFORMATA
€ 46,00
Principali argomenti trattati nel Volume: I. Il problema descrittivo. Ricostruzione concettuale della figura del danno non patrimoniale. II. Il problema normativo. Il danno non patrimoniale risarcibile (ovvero l’ingiustizia conformata ai sensi dell’art. 2059 c.c.) . III. Le ragioni dell’incostituzionalità dell’art. 2059 c.c.: i vuoti di tutela dei diritti inviolabili ed i possibili rimedi. IV. Il danno non patrimoniale da inadempimento e l’estensione applicativa del criterio selettivo dell’ingiustizia conformata. V. La funzione equitativa del risarcimentodel danno non patrimoniale e la prova del pregiudizio: un binomio inscindibile. VI. Liquidazione del danno non patrimoniale. Parte Prima: Liquidazione del danno non patrimoniale conseguente alla lesione della salute. Parte Seconda: Liquidazione del danno non patrimoniale conseguente alla lesione di interessi diversi dalla salute Parte terza: Profili disciplinari. Conclusioni. Art. 2059 c.c. e ingiustizia conformata: verso un nuovo assetto del sistema risarcitorio del danno non patrimoniale in vista dell’attuazione delle garanzie costituzionali.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
AMIANTO: RESPONSABILITA' E RISARCIMENTO DEI DANNI
AMIANTO: RESPONSABILITA' E RISARCIMENTO DEI DANNIAMIANTO: RESPONSABILITA' E RISARCIMENTO DEI DANNI
€ 32,00
L’opera, aggiornata con la GIURISPRUDENZA e le INDAGINI SCIENTIFICHE, vuole essere uno strumento di ausilio per il professionista che si trova a dover trattare forme di risarcimento dei danni da amianto. Sembra un argomento lontano dai nostri giorni invece oggi amianto vuol dire, per l’approfondimento tematico che questo volume si propone, anche presenza di ETERNIT nelle abitazioni civili, nell’impiego industriale ed edilizio, vuol dire tematiche legate alla sicurezza sul lavoro nella attività di SMALTIMENTO. L’obbiettivo di quest’opera è quello di offrire al lettore un approfondimento multidisciplinare. Di grande interesse è l’approfondimento circa gli aspetti MEDICO LEGALI del problema, affrontato sia in un contesto generale che sotto l’aspetto legato alla correlatività causale e alla valutazione delle malattie professionali. La TUTELA CIVILISTICA DEL DANNEGGIATO, poi, fornisce al lettore gli strumenti di inquadramento della disciplina ordinamentale per impostare una domanda di RISARCIMENTO DEL DANNO, sotto gli aspetti costitutivi del diritto e dell’azione giudiziaria. Non meno importanti sono gli ASPETTI ASSICURATIVI legati al rischio amianto, in quanto l’amianto è anche e soprattutto un problema economico, perché PATRIMONIALE è lo strumento di ristoro dei danni subiti nel tempo dalle vittime, come pure la disciplina delle coperture assicurative eventualmente demandate a fornire la riserva economica per la compensazione dei danni.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
DANNO E RESPONSABILITÀ CIVILE
DANNO E RESPONSABILITÀ CIVILEDANNO E RESPONSABILITÀ CIVILE
€ 39,00
SOMMARIO Parte Prima: Il danno I. Danno patrimoniale. II. Danni alla persona. III. La quantificazione del danno. Parte Seconda: La responsabilità I. Responsabilità e risarcimento. II. Responsabilità e deterrenza. III. Lesione di interessi legittimi e responsabilità civile. IV. Itinerari europei nella terra di nessuno tra contratto e fatto illecito: la responsabilità da informazioni inesatte. V. Il declino della immunity doctrine nei rapporti familiari. VI. Ancora sul favor del diritto civile per gli incapaci (e su una innovazione, di segno opposto, dell’ordinamento francese).
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
AMIANTO: RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE E RISARCIMENTO DANNI
AMIANTO: RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE E RISARCIMENTO DANNIAMIANTO: RESPONSABILITÀ CIVILE E PENALE E RISARCIMENTO DANNI
€ 54,00
L’opera, oltre all’aggiornamento delle novità sotto il profilo civilistico della responsabilità, è stata completata con l’aggiunta di due nuovi ed importanti contributi giuridici. Il primo attiene alla datazione della conoscenza e della conoscibilità dei rischi occupazionali ed ambientali da esposizione all’amianto. Il tema si pone in modo sistematico a completamento delle trattazioni già svolte nella prima pubblicazione e come strumento scientifico propedeutico alla valutazione, in sede civile e penale, della responsabilità per la mancata adozione di misure preventive e di protezione da parte del datore di lavoro. Il secondo contributo aggiunto alla precedente edizione invece affronta in dettaglio un aspetto non trattato nel primo volume e che riguarda la responsabilità penale dei soggetti coinvolti nelle vicende da amianto e prende quindi spunto dai recenti fatti di cronaca giudiziaria ed dalle indagini istruttorie che caratterizzano un processo per omicidio da amianto. Con la giurisprudenza e le indagini scientifiche, questo manuale vuole essere uno strumento di ausilio per il professionista che si trova a dover trattare forme di risarcimento dei danni da amianto. L’obiettivo di questo Volume è quello di offrire al lettore un approfondimento multidisciplinare. Di grande interesse è l’approfondimento circa gli aspetti medico legali del problema, affrontato sia in un contesto generale che sotto l’aspetto legato alla correlatività causale e alla valutazione delle malattie professionali. La tutela civilistica del danneggiato, poi, fornisce al lettore gli strumenti di inquadramento della disciplina ordinamentale per impostare una domanda di risarcimento del danno, sotto gli aspetti costitutivi del diritto e dell’azione giudiziaria. Non meno importanti sono gli aspetti assicurativi legati al rischio amianto, in quanto l’amianto è anche e soprattutto un problema economico, perché patrimoniale è lo strumento di ristoro dei danni subiti nel tempo dalle vittime, come pure la disciplina delle coperture assicurative eventualmente demandate a fornire la riserva economica per la compensazione dei danni.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
DANNO AMBIENTALE
DANNO AMBIENTALEDANNO AMBIENTALE
€ 21,00
Alcuni spunti giurisprudenziali comunitari e un’importante enunciazione della giurisprudenza italiana sul principio di precauzione e sul conseguente obbligo risarcitorio (art. 191 Trattato UE e art. 3-ter del d.lgs. n. 152/2006). Principali argomenti trattati nel Volume: L’ambiente e la sua tutela risarcitoria. Il risarcimento del danno all’ambiente nella matrice terreno e la disciplina per la bonifica dei siti contaminati. Il regime penalistico della gestione di rifiuti non autorizzata e della bonifica di siti inquinati. Responsabilità amministrativa e danno ambientale. Recupero dei siti di smaltimento dei rifiuti e paesaggio. Note sulla costituzione di parte civile dello Stato, degli Enti Ter-ritoriali e delle Associazioni di interesse ambientale nei procedimenti penali in materia di reati inerenti la gestione dei rifiuti produttivi di danno ambientale. Risarcimento. Crisi ambientali, scale geografiche e sistemi di governance territoriale. Bonifiche e sostenibilità ambientale: una lunga presa di coscienza.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
CORSO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO - I. TUTELA DELL'INTERESSE LEGITTIMO E RIPARTO DI GIURISDIZIONE
CORSO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO - I. TUTELA DELL'INTERESSE LEGITTIMO E RIPARTO DI GIURISDIZIONECORSO DI DIRITTO AMMINISTRATIVO - I. TUTELA DELL'INTERESSE LEGITTIMO E RIPARTO DI GIURISDIZIONE
€ 25,00
Questo Corso di Diritto Amministrativo è uno strumento, insieme di approfondimento e di aggiornamento, che intende percorrere l’intero programma di questa materia affascinante facendo il punto sulle questioni giurisprudenziali e dottrinali più attuali e rilevanti. In altre parole un vero e proprio corso in sei fascicoli, che completa e aggiorna i manuali istituzionali, offrendo al lettore la marcia in più in vista delle prove d’esame. L’attento aggiornamento giurisprudenziale ne fa anche un utile strumento di consultazione da parte dei professionisti. Nel Primo Volume sono esaminati i temi più attuali del mondo della tutela dell’interesse legittimo e del riparto di giurisdizione: la tutela atipica dell’interesse legittimo, l'azione di esatto adempimento, l’azione di annullamento, la pregiudiziale amministrativa, la giurisdizione in materia di risarcimento del danno da provvedimento favorevole illegittimo, il sindacato della Cassazione sulle decisioni del Consiglio di Stato per motivi di giurisdizione. A fine Volume sono segnalate delle tracce con le quali il lettore potrà esercitarsi, ed il cui schema di svolgimento sarà poi pubblicato online sul sito www.dikegiuridica.it
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
DISCIPLINA DEI CONTRATTI TURISTICI E DANNO DA VACANZA ROVINATA
DISCIPLINA DEI CONTRATTI TURISTICI E DANNO DA VACANZA ROVINATADISCIPLINA DEI CONTRATTI TURISTICI E DANNO DA VACANZA ROVINATA
€ 34,00
Il turismo, da un punto di vista giuridico, si presente come un campo di estremo interesse tanto per l’operatore pratico quanto per il teorico, attesa la varietà delle questioni e degli aspetti che l’esperienza quotidiana evidenzia; il volume intende trattare i profili che hanno nel corso del tempo assunto il maggior rilievo operativo con riguardo, in particolare, da un lato, alla regolamentazione dei contratti conclusi fra operatori professionali e consumatori/utenti di servizi turistici (c.d. contratti B2C) e, dall’altro, al c.d. danno da vacanza rovinata, figura ormai ben nota e che deve ora essere letta alla luce del nuovo corso del danno non patrimoniale così come ridisegnato dalle sentenze gemelle del 2008. STRUTTURA Prefazione Capitolo I: Turismo e tutela del consumatore Capitolo II: I contratti turistici B2C. Forma e contenuto Capitolo III: Vicende dell’esecuzione dei contratti turistici B2C Capitolo IV: Il danno da vacanza rovinata
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
NUOVI DANNI NELLA FAMIGLIA CHE CAMBIA
NUOVI DANNI NELLA FAMIGLIA CHE CAMBIANUOVI DANNI NELLA FAMIGLIA CHE CAMBIA
€ 39,00
Il volume affronta il tema relativo al problema della responsabilità civile nei rapporti familiari. Il problema si è notevolmente evoluto, con specifico riferimento alla materia degli illeciti tra familiari ed ai nuovi indirizzi in materia di risarcimento del danno non patrimoniale. Si pone attenzione alla norma dell’art. 709ter c.p.c. introdotta dalla L. n. 54/2006 in tema di affidamento condiviso che tipizza l’illecito endofamiliare allorché dispone la possibilità della condanna al risarcimento del danno, a carico del genitore che si sia reso responsabile di gravi inadempienze. Il volume si concentra anche sulla giurisprudenza. Sono intervenuti importanti contributi, specie dalla Corte di Cassazione, a partire dalla fondamentale sentenza n. 9801/2005 che ha espressamente affermato come nel sistema delineato dal Legislatore del 1975 il modello di famiglia - istituzione, al quale il codice civile del 1942 era ancorato, è stato superato da quello di famiglia comunità, i cui interessi non si pongono su un piano sovraordinato, ma si identificano con quelli solidali dei suoi componenti. Sempre con riguardo alla giurisprudenza della Corte, intervenuta a S.U. nel 2008 in tema di danno non patrimoniale, si è resa necessaria una nuova indagine dei pregiudizi risarcibili a seguito di illecito endofamiliare.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
SICUREZZA E DANNO DA PRODOTTI MEDICALI
SICUREZZA E DANNO DA PRODOTTI MEDICALISICUREZZA E DANNO DA PRODOTTI MEDICALI
€ 40,00
Questa tematica è destinata ad acquisire rilevanza sempre crescente in relazione allo sviluppo di farmaci di nuova generazione, di origine biologica (ATMPs), basati sulle nuove conoscenze genetiche e sull’utilizzo di elementi corporei (in primis, cellule staminali). Nasce quindi l’esigenza, affrontata in questo Volume, di esaminare gli strumenti di gestione del rischio e di tutela per il consumatore, nella duplice ottica delle tecniche (preventive) di sicurezza e di quelle (successive) di responsabilità. Sotto più punti di vista questo volume incontra l’interesse non solo del mondo giuridico (avvocati e giudici), ma anche dei consumatori ed delle associazioni dei consumatori, delle case farmaceutiche, del campo della bioingegneria, dei medici ed degli operatori sanitari. INDICE Premessa: Innovazione e tecniche di tutela della salute. Sez. I: Gli strumenti di tutela ex ante. I. Incertezza scientificae tecnologica. Gestione del rischio. II. La Regolamentazione di sicurezza: sua influenza ed interazione con le regole di responsabilità civile nei diversi prodotti medicali. Sez. II: I rimedi ex post. III. La responsabilità da prodotti medicali difettosi in Italia e negli Usa. IV. I danni da contagio per via trasfusionale e da emoderivati. V. L’indennizzo quale ulteriore strumento di tutela. Conclusioni: Coordinamento fra regimi di responsabilità differenziata e altri strumenti di tutela nuovi o rinnovati: prospettive Per una protezione a tutto campo del paziente-consumatore.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
RISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALE
RISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALERISARCIMENTO DEL DANNO NON PATRIMONIALE
€ 26,00
Il presente Volume analizza le tematiche processuali di maggiore interesse nelle materie analiticamente trattate, assicurando al professionista un’indispensabile guida, snella ed essenziale, ma, al contempo, ricca di soluzioni giuridiche e delle necessarie indicazioni dei singoli - anche i più minuti - adempimenti prescritti dalla legge. Ogni argomento è affrontato osservando il seguente schema: - breve introduzione dottrinale (che fornisce gli elementi fondamentali dell’istituto processuale in oggetto); - testo degli articoli di legge; - commento incentrato sui principali ed attuali orientamenti giurisprudenziali, nel quale le massime sono collegate tra loro in modo da realizzare una compiuta disamina logica e sistematica; in particolare, poi, le massime più significative sono accompagnate da uno specifico simbolo grafico e riportate per esteso in ordine cronologico alla fine di ciascun capitolo; - ampio paragrafo nel quale sono contenuti i principali suggerimenti pratici che forniscono valide e precise indicazioni operative. Una Guida operativa che, riporta, tra l’altro, gli eventuali termini di prescrizione e di decadenza, l’autorità competente alla quale indirizzare le domande, l’elenco dei documenti da allegare, gli adempimenti di cancelleria, il tutto corredato dal testo di una o più formule esplicative (ricorsi, citazioni, ..), assicura una sempre più spedita e vincente realizzazione dell’attività professionale. Al Volume è allegato un utile Cd-Rom che contiene tutte le formule riportate nell’Opera, e un’ampia scelta di giurisprudenza.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
IMMISSIONI E RISARCIMENTO DEL DANNO
IMMISSIONI E RISARCIMENTO DEL DANNOIMMISSIONI E RISARCIMENTO DEL DANNO
€ 110,00
INDICE 1. L'ORIGINE STORICA DELLE IMMISSIDNI - Le immissioni nel diritto romano - L'evoluzione delle immissioni dal codice del 1855 al codice del 1942. 2. LE IMMISSIDNI NEL DIRITTO POSITIVO: - La figura giuridica delle immissioni - La normale tollerabilità - La condizione dei luoghi - Il preuso - Il contemperamento degli interessi contrapposti - Normativa antinquinamento e art. 844 c.c. - La servitù di immissioni - La tutela negoziale - Rapporto tra art. 844 c.c. e art. 890 c.c,. 3. LA TUTELA GIURISDIZIONALE DALLE 1M MISSIONI: - La tutela civilistica. 4. LA NATURA DELLE IMMISSIONI: - Le immissioni rumorose - Le immissioni elettromagnetiche - Le immissioni luminose - Le immissioni atmosferiche - Le immissioni idriche - Le immissioni industriali - Le immissioni condominiali altre immissioni.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
ATTIVITA' ECONOMICHE ED ATTIVITA' SOCIALI NEI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE
ATTIVITA' ECONOMICHE ED ATTIVITA' SOCIALI NEI SERVIZI DI INTERESSE GENERALEATTIVITA' ECONOMICHE ED ATTIVITA' SOCIALI NEI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE
€ 27,00
Introduzione: I servizi pubblici in Europa. - Francia: 1. La distinzione francese tra i servizi pubblici amministrativi ed i servizi pubblici industriali e commerciali ed il diritto comunitario. - 2. L'integrazione delle nozioni di servizio di interesse economico generale e di servizio universale nel diritto francese dei servizi pubblici. - 3. Servizi di interesse generale e servizio pubblico alla francese: dal confronto al riavvicinamento. - 4. Prestazioni sociali, servizi di interesse generale e campo di applicazione del diritto comunitario. - Germania: 1. L'attività imprenditoriale pubblica. Una figura del diritto amministrativo di fronte a nuove valutazioni. - 2. L'armonizzazione dei servizi di interesse economico generale in Europa ed i suoi limiti. - 3. Dal diritto della concorrenza alla politica istituzionale: l'art. 86, secondo comma, Trattato CE. - 4. Il rilievo del diritto comunitario della concorrenza per gli enti responsabili di prestazioni sociali. - 5. La posizione degli enti di assistenza privata nel diritto comunitario della concorrenza. - Gran Bretagna: 1. Servizi pubblici e diritto nel Regno Unito. La fornitura di servizi essenziali di natura economica e non economica. Servizi di interesse generale. - 2. Servizi pubblici e concorrenza. - 3. Servizi di interesse economico generale e regolazione nel Regno Unito. - Spagna: 1. I servizi sociali: dalla tradizione spagnola del servizio pubblico alla recente giurisprudenza europea. - 2. I problemi della contrapposizione tra economico e sociale nella caratterizzazione dei servizi di interesse generale. - 3. I servizi alla persona, con particolare riferimento al diritto spagnolo. - Indice della giurisprudenza.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
RISARCIBILITA' DEGLI INTERESSI LEGITTIMI E PREGIUDIZIALE AMMINISTRATIVA
RISARCIBILITA' DEGLI INTERESSI LEGITTIMI E PREGIUDIZIALE AMMINISTRATIVARISARCIBILITA' DEGLI INTERESSI LEGITTIMI E PREGIUDIZIALE AMMINISTRATIVA
€ 28,00
INDICE Risarcibilità degli interessi legittimi e pregiudiziale amministrativa. - 1. Risarcibilità degli interessi legittimi e termini di decadenza (nota a Cass., Sez. Un., 22 luglio 1999, n. 500). - 2. Risarcibilità degli interessi legittimi e termine di decadenza: riflessioni a margine dell'ordinanza n. 1 dell'Ad. Plen. del Consiglio di Stato, 2 gennaio 2000. - 3. Risarcibilità degli interessi legittimi e pregiudiziale amministrativa. - 4. Vizi del procedimento e invalidità o inefficacia del contratto. - 5. Risarcibilità degli interessi legittimi e responsabilità della P.A. e dell'aggiudicatario. - 6. «Riassetto» costituzionale del riparto di giurisdizione per materie e pregiudiziale amministrativa. - 7. Impugnazione del licenziamento ad nutum e pregiudiziale amministrativa. - 8. Provvedimento e contratto nella nuova disciplina dell'azione amministrativa. - 9. Giurisdizione e pregiudiziale di annullamento. Riflessioni in attesa della decisione dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato. - 10. Giurisdizione e pregiudiziale di annullamento. Note a margine delle decisioni dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato 30 luglio 2007, n. 9 e 22 ottobre 2007, n. 12. - 11. Tutela degli interessi collettivi e giurisdizione amministrativa. - 12. Attualità e delimitazione della categoria degli interessi legittimi.
mostra tutto il testomostra tutto il testo
mostra dettagli
www.adlerlibri.com
Giappichelli
prezzo massimo
filtri aggiuntivi